Macchinari industriali

Nelle realtà produttive si trovano macchinari e impianti in continuo che durante le lavorazioni generano rumore e vibrazioni che, se superiori a certe soglie di tollerabilità, necessitano di isolamento in modo da tutelare la salute degli addetti alle lavorazioni (D. Lgs 81/2008).

In altri casi macchine utensili per lavorazioni meccaniche di estrema precisione oppure banchi per il controllo qualità tollerano livelli vibratori in ingresso molto bassi, non compatibili con l'ambiente in cui sono installati.

La soluzione migliore, che mantiene la necessaria rigidità del piano di appoggio e incrementa la massa sospesa, è realizzare sotto la macchina/attrezzatura da isolare una fondazione separata dal resto dell'ambiente e poggiata su supporti antivibranti (Vibrostop G, Vibrostop BPDVibrostop AA e Vibrostop TSZ).

Nella maggior parte dei casi tale soluzione risulta però antieconomica (sia per i costi dell'intervento che per il fermo produttivo) e si preferisce posizionare la macchina direttamente su isolatori antivibranti: in semplice appoggio, quando l'attrito è sufficiente a mantenere il posizionamento, si possono usare le serie Vibrostop BPD, Vibrostop GVibrostop TSGE e Vibrostop TSPP; oppure con vincolo a pavimento, se esistono forze orizzontali rilevanti che tendono a sbilanciare il macchinario, usando le serie di antivibranti Vibrostop AAVibrostop Flexobloc e Vibrostop TSZ.

Nei casi in cui il problema del taglio delle vibrazioni sia secondario ma è necessario collocare la macchina in modo perfettamente livellato si può risolvere il problema mediante i piedini regolabili (Vibrostop ZREG) che hanno comunque modeste capacità di isolamento.