Quadri elettrici

I quadri elettrici solitamente non contengono sorgenti di vibrazione rilevanti, ad esclusione di eventuali ventole di raffreddamento, però spesso necessitano di essere protetti dalle vibrazioni presenti nell'ambiente di installazione.

La componentistica elettrica ed elettronica contenuta all'interno dei cabinet potrebbe infatti risentire delle vibrazioni o degli urti trasmessi alla struttura del quadro.

L'utilizzo di idonei isolatori antivibranti e/o antishock serve quindi ad evitare malfunzionamenti prolungandone la vita utile ed riducendo gli interventi manutentivi.

Nel caso di installazione in ambienti industriali i quadri devono essere protetti ad esempio dalle vibrazioni generate dai macchinari e dagli impianti presenti nell'edificio, oppure dalle scosse legate all'azione di presse e magli nelle vicinaze.

Spesso il quadro stesso è montato sulla struttura del macchinario o dell'impianto sorgente della vibrazione.

Un altro caso tipico è l'isolamento dei quadri quando installati su navi dove potrebbero essere presenti vibrazioni ambientali non trascurabili (ad esempio in prossimità della sala macchine) oppure, nel caso di naviglio militare, potrebbe esistere la necessità di proteggere il quadro dalle onde d'urto propagate attraverso lo scafo e originate da una esplosione sottomarina.

Nel caso siano sufficienti isolatori per la protezione dalle vibrazioni si possono utilizzare le serie Vibrostop TSGE (se non è richiesto il fissaggio a pavimento), Vibrostop FlexoblocVibrostop GSAVibrostop AA (questi ultimi dotati di limitatore degli spostamenti, necessario nelle installazioni su mezzi di trasporto). Nel caso si debbano isolare anche eventuali urti si possono usare i supporti a fune d'acciaio Vibrostop AVAU o Vibrostop Cavoflex

A volte è sufficiente proteggere solo alcuni componenti più delicati contenuti nel quadro, a questo scopo si possono usare isolatori pensati per carichi più leggeri come gli Vibrostop AAD o i Vibrostop Conic, o Vibrostop CMM.